Vinoe musica okÈ stata presentata in conferenza stampa la IX edizione di Vino è Musica, la manifestazione che si terrà il 27 e il 28 luglio prossimi nel Quartiere delle Ceramiche di Grottaglie; dal 24 al 26 luglio sono previste anteprime dedicate alla gastronomia dell’orto, ai blind tasting e a work shop scientifici.
Vino è Musica è organizzata dall’Associazione Intersezioni, con il sostegno dell’amministrazione comunale di Grottaglie ed è organizzata in partnership con Confagricoltura Taranto, Gal Magna Grecia, Slow Food Grottaglie - Vigne e Ceramiche, Sistema Museo e Qiblì.
Alla conferenza stampa è intervenuta Lucia Cavallo, consigliera del Gal Magna Grecia, che ha lodato l’iniziativa che permette di promuovere le eccellenze del comparto enovitivinicolo con una formula innovativa e stimolante che sposa il vino all’enograstronomia, all’artigianato ceramico e alla cultura.
Il Vino resta il “padrone” indiscusso della manifestazione che quest’anno ospiterà al suo interno ben 58 aziende vitivinicole provenienti da tutta la Puglia, dalla Basilicata e dalla Campania. Ospiti d’eccezione di quest’anno oltre i vitigni autoctoni pugliesi (negramaro, primitivo, nero di troia e altri), il Grottino di Roccanova, vino DOC prodotto nella provincia di Potenza, portanto in degustazione dalle cantine della Basilicata e dal Consorzio Qui Vulture, e i vini bianchi macerati.

E i 58 produttori vitivinicoli si racconteranno nelle varie formule previste dalla manifestazione: il percorso on the road, i laboratori di degustazione e il prestigioso Blind Tasting per l’assegnazione del Premio Enologico Vino è Musica edizione 2018, presieduto anche quest’anno dall’assaggiatore internazionale di vini Enzo Scivetti, a capo di una delegazione di esperti e buyer internazionali. Il riconoscimento quest’anno si estende anche al mondo degli chef che in un contest dedicato per questa edizione all’orto si sfideranno il 26 luglio nella cena di anteprima all’interno dell’antica Masseria Palombara di Oria. Ai fornelli per l’occasione ci saranno Rocco Violante, Alessandro Sammarco, Guido Grasso, Vanni Cafagna e Gianfranco Palmisano. Posti riservati per la Palombara mentre percorso popolare quello che dal 27 luglio si aprirà nello scenario del quartiere delle ceramiche di Grottaglie. Qui lo scambio di informazioni, come al solito sarà diretto. Il produttore racconterà il suo vino e la fatica e la storia che lo accompagnano. I banchi d’assaggio sfioreranno la maestria delle botteghe ceramiche, quella dei 12 gruppi musicali in esibizione, e quella delle postazioni gastronomiche che da sempre accompagnano la scoperta on the road di Vino è Musica.
Quest’anno le proposte sono firmate da Rocco Violante con il suo panino d’autore, Valentina De Palma con il suo puerk v’stut, Guido Grasso con la tortillas di mare, Vanni Cafagna con una apulian crepe, e Gianfranco Palmisano con il panino bombetta gaonas.
Ma il vino si ritrova anche nei laboratori per cui è necessaria la prenotazione. Sette in totale curati da AIS e Slow Wine insieme all’attivissima condotta Slow Food di Grottaglie non a caso intestata a “Vigne e Ceramiche”. L’abbinamento cibo-vino sarà infatti curato proprio dai ristoranti locali soci della condotta grottagliese.
Padrino dell’iniziativa di quest’anno è il noto conduttore televisivo ed esperto di eno-gastronomia, Federico Quaranta, noto insieme a Tinto, per il famoso programma cult di Radio 2 “Decanter” e volto di punta delle trasmissioni TV La Prova del cuoco e Linea Verde Orizzonti.
Sarà lui il testimonial di un percorso che quest’anno comincerà prima della due giorni aperta al grande pubblico, con la fase dei Blind Tasting il 24 e il 25 luglio, la cena dei produttori (con possibilità di prenotazione anche per i non produttori) con il contest dei cuochi il 26 luglio e sempre il 26 l’importante work shop su “Il valore nascosto dei lieviti”, realizzato in collaborazione con l’Università degli Studi della Basilicata, e che vedrà tra i relatori la presenza di Francesco Grieco, biologo e ricercatore dell’ISPA CNR, di Luigi Milella, professore aggregato di biologia farmaceutica all’Università degli Studi della Basilicata, e di Patrizia Romano, responsabile scientifica dei lavori e ordinaria di microbiologia agraria all’Università degli Studi della Basilicata.

Per le famiglie con bambini gli organizzatori, insieme all’Amministrazione Comunale di Grottaglie e Sistema Museo, hanno pensato un percorso tra laboratori e visite guidate. Il 27 e il 28 luglio infatti i più piccini potranno partecipare a partire dalle 18.30, all’interno del Castello Episcopio, al laboratorio di manipolazione ceramica, e in contemporanea i genitori potranno partecipare alla visita guidata gratuita all’interno del Museo della Ceramica e subito dopo ai percorsi proposti dall’evento.

Vino è Musica è progetto inserito in una più ampia programmazione progettuale dal titolo “Acqua e Terra” presentata dal Comune di Grottaglie a valere sul fondo di sviluppo e coesione – FSC -2014-2020 “Patto per la Puglia”, avviso pubblico per iniziative progettuali riguardanti le attività culturali, promosso dall’Assessorato Regionale all’industria turistica e culturale.